Italiaemagazine.it

Pescara. Assegnazioni immobili per le associazioni cittadine

Assegnazione immobili, pubblicato il bando. Sindaco Teodoro, Santroni e Longhi: “Saranno disponibili 53 lotti con riduzioni del 65 per cento. C’è tempo fino al 31 per le domande”

Presentato stamane il bando per l’assegnazione di immobili alle associazioni cittadine pubblicato due giorni fa sul sito del Comune che consentirà l’utilizzo di 53 immobili in disuso, attraverso una richiesta da presentare entro il 31 ottobre. Modalità e novità di una scelta voluta dall’Amministrazione e presente nelle linee di mandato del sindaco Alessandrini, sono state illustrate stamane per dare la massima accessibilità degli spazi cittadini che saranno concessi alle associazioni con  agevolazioni importanti anche sui canoni per l’utilizzo, con riduzioni del 65 per cento. Alla conferenza hanno partecipato il sindaco Marco Alessandrini, l’assessore al Patrimonio Gianni Teodoro, il dirigente del Settore Gaetano Silverii e i consiglieri Daniela Santroni ed Emilio Longhi.

Di seguito il link: http://www.comune.pescara.it/internet/index.php?codice=119&IDbando=475

“Diamo seguito ad un avviso pubblico atteso da tempo – così il sindaco Marco Alessandrini – contenuto nelle linee di mandato di questa Amministrazione perché in un’era in cui la domanda è 100 e la disponibilità è 10 all’arbitrio venissero sostituite le regole per garantire parità di accesso a tutti. Nell’ambito della concessione di immobili un bando simile non era mai stato fatto prima, di questo ringrazio gli uffici che hanno fatto un importante lavoro per arrivare alla pubblicazione. Quando mi sono insediato mi sono spogliato del potere di assegnazione discrezionale degli immobili, a partire dagli alloggi popolari, perché non ci fossero pregiudizi per alcuno. Così facciamo per le associazioni con gli immobili da assegnare, l’invito è: partecipate e possibilmente unite le forze perché ci sono degli spazi da animare, i canoni sono convenienti e l’Amministrazione accorcia ancora di più le distanze con la comunità che opera e quella che offre servizi di varia natura per la crescita della città”.

“E’ la prima volta che il Comune con un’azione di massima trasparenza mette a bando 53 lotti – così l’assessore al Patrimonio Gianni Teodoro – Ogni lotto corrisponde a uno o più locali. E’ un’azione volta a favorire le tante associazioni che in questa città operano spesso in difficoltà proprio per le sedi. Noi con questa azione abbiamo fatto una parte significativa che il Comune non aveva mai fatto, ora saranno gli uffici ad attuare questa importante scelta, quando riceveremo le proposte e sulla base di prerogative che saranno uguali per tutti, perché tutte le associazioni abbiano le stesse potenzialità. Le migliori proposte verranno scelte e procederemo alle assegnazioni definitive dei locali che si trovano in posizioni migliori della città: si tratta delle ex sedi civiche, spazi all’interno del Mercato Ittico, alcune strutture che sono centri polivalenti. Diventeranno disponibili a costi del tutto sostenibili, grazie ad una consistente riduzione dei canoni del 65 per cento rispetto al costo di mercato, che abbiamo stabilito per rendere praticabile il percorso e comunque mettere a frutto il patrimonio sostenendo anche le associazioni. Ci aspettiamo una grande adesione, con l’impegno a procedere a tempi serratissimi”.

“Ringrazio il sindaco e l’assessore per aver portato a termine questo lavoro che è storico – così la consigliera Daniela Santroni – Il primo regolamento per la concessione di immobili risale a 13 anni fa, quando l’Amministrazione avviò censimento e stima, ma tutto restò fermo al passato e le amministrazioni successive hanno assegnato gli spazi su base discrezionale e non tramite l’avviso pubblico. Inizialmente il Comune non aveva un elenco aggiornato degli immobili, abbiamo rivisto tutto l’elenco del patrimonio e anche il regolamento che dal 2005 ad oggi ha avuto diverse modifiche. L’assegnazione senza bando non consente pari condizioni a tutti, da oggi questo non accadrà più, inoltre il bando potrà essere anche annuale, in modo da inserire anche altri immobili di cui l’Ente torna in possesso e tenere sempre aggiornate le liste. I locali sono ben 53, la richiesta è altissima perché è alta anche l’attesa, per questo l’Amministrazione ha cercato di dare valore alle aggregazioni, che saranno favorite anche sui punteggi. Il bando scade il 31 ottobre, per partecipare bisogna che le associazioni siano no profit e iscritte all’albo comunale, a cui ci si può registrare in qualsiasi momento. Pubblicheremo anche delle Faq e daremo la possibilità di visionare gli immobili agli interessati, attraverso gli uffici”.

“Una nuova occasione per rigenerare edifici inutilizzati o sotto utilizzati – conclude il consigliere Emilio Longhi – Non soltanto raggiungiamo un obiettivo, quello del bando, ma otteniamo anche l’opportunità di fornire nuove funzioni e servizi di tipo sociale e culturale si cittadini pescaresi”.

Elena Costa

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi