Home » Posts tagged with » sandra luna

Noi tre

Quella domenica mattina c’era in casa una strana aria. Le ragazze non si trascinavano per le stanze sonnolenti e svogliate, in pigiama e ciabatte, non sembravano “zombi” come tutte le domeniche. Si erano anzi, alzate prestino, avevano fatto colazione ed erano già belle e vestite, pronte per fare chissà cosa. Francesca mi annunciò poco dopo [...]

L’incontro

Nessun Commento

Di Sandra Luna
Aveva deciso di portare con sé lo stretto necessario, il resto glielo avrebbe spedito in seguito la madre, eppure il grosso borsone era lo stesso pesante ed ingombrante. L’altoparlante aveva già annunciato la partenza del suo treno al binario 3 e Anna, con la borsa a tracolla che le cascava di continuo e [...]

Continua a leggere …

Un Angelo

Nessun Commento

Di Sandra P. Luna.
Con il cuore in gola quella mattina si era alzata balzando all’improvviso dal caldo letto. Il telefono squillava con insistenza irrompendo nel silenzio del giorno appena nato. Il breve corridoio da attraversare le sembrò lunghissimo e la cornetta inarrivabile. Mille pensieri le passarono per la mente in quella manciata di secondi. I [...]

Continua a leggere …

Di Sandra P. Luna.
Sentiva la sua anima dannata, lacerata da un dolore che era su ogni cosa e non le permetteva più di pensare, desiderare e amare. Le notti si confondevano con i giorni, la fame con la sazietà, l’aria  con l’asfissia, il freddo più intenso con il caldo più afoso. Non era importante nulla [...]

Continua a leggere …

Laura

Nessun Commento

Di Sandra P. Luna.
Solcava gli oceani su immensi e favolosi velieri, contava le stelle seduta su una soffice nuvoletta, raggiungeva le viscere più profonde della terra e gli abissi marini mai esplorati, scalava le vette più alte, tanto alte che nessuno aveva mai osato sfidare. Le bastava rannicchiarsi nell’angolo più buio della sua cameretta, chiudere [...]

Continua a leggere …

Rinascere

Nessun Commento

Di Sandra P. Luna.
Come era potuto succedere! La sua anima le era estranea, la sua mente si rifiutava di accettare quello che era diventata. Un getto d’acqua fredda le invadeva impetuosamente quel corpo ripetutamente violato, ma non bastava a togliere il sudiciume di cui era impregnato. Le 7 del mattino, l’ultimo “importante “ cliente, era [...]

Continua a leggere …