Geolocalizzazione: dimmi dove sei.

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle (Nessun Voto Ancora)
Loading ... Loading ...
Articolo visto 2,718 volte

Geolocalizzazione: dimmi dove sei.

I telefonini di ultima generazione sono tutti corredati di Gps e costantemente collegati su Internet: dall’incrocio tra queste attività” ecco nascere la geolocalizzazione.  Non è più necessario chiedere a qualcuno “dove sei”, ormai ce lo comunica lui stesso tramite social network (FourSquare, Gowalla, Facebook, Google Plus). Ad oggi il 55% dei possessori di smartphone se ne serve per ottenere suggerimenti e consigli. Ogni volta che ti colleghi all’applicazione con il tuo telefonino, comunichi la posizione in cui ti trovi effettuando un check-in e, se vuoi, puoi lasciare una piccola recensione sul posto in cui ti trovi (museo, hotel, ristorante, città, ecc.). Quello che di positivo può portare agli altri utenti è il poter sapere in anticipo le informazioni essenziali di un luogo ancora prima di entrarci. “Vale la pena pernottare in quell’hotel?” oppure “quale piatto conviene evitare in quel ristorante?” sono solo alcune delle curiosità che i nostri amici possono condividerci. Il sistema è utile anche per giornali e siti web. La geolocalizzazione può significare la possibilità di distribuire notizie in tempo reale, indirizzandole dove serve: a uno spettacolo, all’incidente in autostrada, ad un particolare evento. La geolocalizzazione integrata con i social network ha sviluppato anche nuove forme di interazione. Negli USA è nato il proximity dating (incontri romantici), la possibilità di trovare la propria anima gemella comunicando la propria posizione e verificando se intorno ci sono altri single disponibili ad incontri. Il marketing e le occasioni di business legate alla geolocalizzazione non sono assenti. Molte, infatti, sono le attività commerciali che offrono “Daily Deals” (offerte del giorno), cioè sconti e promozioni a chi effettua il check-in da loro. Il risvolto negativo della geolocalizzazione? Tutti sanno dove ti trovi e – probabilmente – cosa stai facendo: la privacy viene totalmente violata.

Di Luca Rosati

Condividi:
  • Facebook
  • Twitter
  • LinkedIn
Tags: Inter Nos, luca rosati, paolo bruno

Shortlink:

Categorie Articoli

Inserito da Luca Rosati il 2 agosto 2012. Catalogato in Inter Nos, Le nostre rubriche. Puoi seguire tutti i commenti a questo articolo o qualsiasi traccia di esso attraverso gli RSS 2.0. Se vuoi, lascia un commento a questo articolo.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

:D :-) :( :o 8O :? 8) :lol: :x :P :oops: :cry: :evil: :twisted: :roll: :wink: :!: :?: :idea: :arrow: :| :mrgreen: