Un Patrimonio da preservare

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle (Nessun Voto Ancora)
Loading ... Loading ...
Articolo visto 1,851 volte

di Elena Costa

Italia, uno stato invidiato da molti per le bellezze artistiche e storiche ma anche per le diverse caratteristiche parchiterritoriali. Ricca di curiosità, Folklore, storia, prodotti tipici ed enogastronomici. Piena di ‘indiscrezioni’, ammirata e desiderata da chiunque, per le doti appena elencate. In questo breve articolo voglio sottolineare quanto di bello c’è da vedere sotto l’aspetto naturalistico. Non dobbiamo dimenticare che la nostra terra è anche ricca di oasi naturalistiche e parchi. Mare e monti sono per eccellenza le mete preferite di numerosi viaggiatori in cerca di nuove zone ancora incontaminate.
Ogni regione possiede un parco regionale, provinciale o un’area protetta.  Nella nostra penisola pensate che vantiamo ben 24 parchi nazionali,  137  Parchi Regionali,  331 riserve regionali,  147 riserve statali, 27 Aree marine protette, 169 aree protette.  Il territorio con più estensione territoriale, addirittura d’Europa, è l’Abruzzo che conta ben 150000 ettari, riservati a parchi. Insomma una vasta scelta con le possibilità più disparate per soggiorni o escursioni giornaliere.
Eppure ogni qual volta si decide di fare una gita fuori porta all’insegna della natura, la domanda è sempre la stessa: dove possiamo andare? E, nella stragrande maggioranza dei casi, si sconfina fuori regione senza sapere quello che di bello abbiamo a pochi passi da casa nostra.
Per conoscere in dettaglio le numerose possibilità che l’Italia offre consiglio di dare uno sguardo su internet o contattare le varie aziende di soggiorno, che sapranno consigliarvi al meglio.

Condividi:
  • Facebook
  • Twitter
  • LinkedIn
Tags: aree protette, natura, Parchi italiani

Shortlink:

Categorie Articoli

Inserito da Paolo Garrisi il 7 marzo 2009. Catalogato in I nostri servizi, Parchi italiani. Puoi seguire tutti i commenti a questo articolo o qualsiasi traccia di esso attraverso gli RSS 2.0. Se vuoi, lascia un commento a questo articolo.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

:D :-) :( :o 8O :? 8) :lol: :x :P :oops: :cry: :evil: :twisted: :roll: :wink: :!: :?: :idea: :arrow: :| :mrgreen: