Pescocostanzo (AQ)

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle (1 voto, risultato: 5.00 di 5)
Loading ... Loading ...
Articolo visto 4,579 volte

Capitale abruzzese del barocco.

Alle pendici del Monte Calvario, sorge, immersa in un territorio ricco di pascoli Pescocostanzo. E’ un incantevole paese montano, prediletta destinazione turistica sia invernale che estiva, scrigno di notevoli bellezze storico-architettoniche, centro di eccellenza artigianale, con le storiche lavorazioni artistiche di oro, legno, ferro e merletti. Pescocostanzo vanta monumenti di ineguagliabile bellezza come la Basilica di Santa Maria del Colle, un vero museo d’arte risalente al XI secolo, a cui si accede attraverso un imponente  portale tardo-romanico. L’interno è a cinque navate e la centrale presenta un soffitto ligneo a cassettoni intagliato e dorato della fine del Seicento. Sono lignei, intagliati e dorati anche il pulpito, l’altare e l’organo. Spettacolare è la statua duecentesca della Madonna in Trono e magnifica è la ricca cancellata che racchiude la Cappella del Sacramento. Fu realizzata nel Seicento da Francesco di Sante di Rocco e suo nipote, figli illustri di Pescocostanzo, come Giovan Angelo Bucci a cui si devono le decorazioni pittoriche della Basilica. Si annoverano tra gli edifici religiosi anche la Chiesa di Santa Maria delle Grazie del 1508 e la Chiesa di Sant’Antonio Abate di origine duecentesca. Tra le architetture civili: Palazzo Fanzago del 1624, sede del Museo dell’Artigianato Artistico, Palazzo Municipale e Palazzo Grilli. I pescolani celebrano il Patrono San Felice in agosto, mese in cui il calendario delle manifestazioni è particolarmente allettante per il turista.

info 0864.640003 – www.pescocostanzo.it

Condividi:
  • Facebook
  • Twitter
  • LinkedIn
Tags: I comuni, l'aquila, Pescocostanzo

Shortlink:

Categorie Articoli

Inserito da Sandra Luna il 5 giugno 2012. Catalogato in I comuni, I nostri servizi, Speciale Abruzzo. Puoi seguire tutti i commenti a questo articolo o qualsiasi traccia di esso attraverso gli RSS 2.0. Se vuoi, lascia un commento a questo articolo.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

:D :-) :( :o 8O :? 8) :lol: :x :P :oops: :cry: :evil: :twisted: :roll: :wink: :!: :?: :idea: :arrow: :| :mrgreen: