Arista di maiale in crosta con cuor di spinaci, pecorino pastellato e semifreddo alla mele con salsa all’Armagnac

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle (Nessun Voto Ancora)
Loading ... Loading ...
Articolo visto 2,647 volte

Arista di maiale in crosta con cuor di spinaci

Ingredienti:
1 fetta di arista di maialino
30 gr. pasta sfoglia
30 gr. spinaci

Procedimento:
Pulire e lavare gli spinaci, una volta cotti, frullarli e condire con sale, pepe, parmigiano e noce moscata. Battere l’arista senza stracciarla, salarla e inserire all’interno gli spinaci. Chiuderla a fagotto e avvolgere su di essa uno strato di pasta sfoglia. Cuocere in forno a 180° fino a doratura.
—————————————

Pecorino pastellato

Ingredienti per 4 pers.
200 gr. pecorino morbido
4 uova
90 gr. di farina
1 goccio di latte tiepido
20 gr. di lievito

Preparazione:
Tagliare a tocchetti il pecorino. Preparare una pastella abbastanza dura con le uova, la farina e aggiungere il latte dove avrete sciolto il lievito. Lasciar riposare la pastella finché non risulti ben gonfia. Intingere i tocchetti di pecorino nella pastella lievitata e friggere in abbondante olio ben caldo. Salare e servire caldo
————————————————

Semifreddo alla mele con salsa all’Armagnac

Ingredienti per 4 pers.
6 mele Golden
2 bicchieri d’acqua
1 stecca di vaniglia
1 stecca di cannella
zucchero q.b.
100 ml. di panna fresca montata
Armagnac q.b.

Preparazione:
Privare le mele della buccia e dei semi e farle cuocere nello sciroppo di acqua, vaniglia, cannella e zucchero. A cottura ultimata, frullare il composto, lasciandone un paio di cucchiaiate da parte e aggiungere la panna. Disporre in freezer. Aggiungere alla polpa lasciata da parte, l’Armagnac. Estrarre dal freezer il composto 10 min. prima di servirlo, disporlo sul piatto e accompagnarlo con la salsa all’Armagnac.

Davide D’Agostino

Condividi:
  • Facebook
  • Twitter
  • LinkedIn
Tags: Cucina, davide d'agostino

Shortlink:

Categorie Articoli

Inserito da Paolo Garrisi il 27 settembre 2011. Catalogato in Cucina, Le nostre rubriche. Puoi seguire tutti i commenti a questo articolo o qualsiasi traccia di esso attraverso gli RSS 2.0. Se vuoi, lascia un commento a questo articolo.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

:D :-) :( :o 8O :? 8) :lol: :x :P :oops: :cry: :evil: :twisted: :roll: :wink: :!: :?: :idea: :arrow: :| :mrgreen: