Sant’Angelo del Pesco (Is)

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle (Nessun Voto Ancora)
Loading ... Loading ...
Articolo visto 1,947 volte

Conta poco più di 400 abitanti questo comune della provincia di Isernia, situato a 805 mt slm e che si sviluppa su una superficie di 15 kmq. Il paese, che in origine e fino al 1320 si chiamò Sant’Angelo del Grifone, nacque intorno al Mille come pagus formato da poche case costruite intorno alla Badia di Sant’Angelo, oggi non più esistente,  ad opera di abitanti di “Casaleni”, un villaggio prossimo a Pescopennataro. Le vicende feudali di Sant’Angelo del Pesco sono infatti identiche a quelle di Pescopennataro. Il paese è divenuto autonomo solo nel 1816. Da ammirare la Chiesa Parrocchiale San Michele Arcangelo a navata unica con cappelle laterali, edificata nel 1886. La Parrocchiale serba al suo interno un altare policromo, due acquasantiere, quattro statue lignee realizzate tra gli anni ’40 e ’60, ed una serie di dipinti eseguiti da un artista locale. Da visitare ancora la Chiesa della Madonna del Carmelo del XVIII secolo con una suggestiva doppia scala che porta al sagrato,  il Colle del Calvario che consta di una piana con 3 croci in ferro battuto e il Monumento ai caduti della I guerra mondiale eretto nel 1926. Oltre alla lista dei caduti, si compone di un piedistallo in pietra proveniente dalla Maiella e di una statua raffigurante la Vittoria che bacia un caduto in guerra. Da non perdere poi il panorama che dà su un’abetina e sulla Vallata del Sangro, che si può ammirare dal balcone naturale di San Luca. La peculiarità di Sant’Angelo è proprio l’abbondanza di abeti bianchi che sono oggetto di studio da parte della Scuola di Forestazione dell’Università di Holdenburg.

info: 0865.948131

Condividi:
  • Facebook
  • Twitter
  • LinkedIn
Tags: I borghi, isernia, sant'angelo del pesco

Shortlink:

Categorie Articoli

Inserito da Paolo Garrisi il 22 febbraio 2009. Catalogato in I borghi, I nostri servizi. Puoi seguire tutti i commenti a questo articolo o qualsiasi traccia di esso attraverso gli RSS 2.0. Se vuoi, lascia un commento a questo articolo.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

:D :-) :( :o 8O :? 8) :lol: :x :P :oops: :cry: :evil: :twisted: :roll: :wink: :!: :?: :idea: :arrow: :| :mrgreen: